Italiano         MILANOMILANOROMAANCONAPESCARABRESCIACAGLIARIBOLOGNAVARESEBOLZANO Lun-Ven 9 -19 +39.02.87070700 Lun-Ven 9-18 +39.06.5921143 Lun-Ven 9-18 +39.071.2416400 Lun-Ven 9-18 +39.085.4211702 Lun-Ven 9-18 +39.030.293189 Lun-Ven 9-18 +39.070.7967933 Lun-Ven 9-18 +39.051. 0827947 Lun-Ven 9-18 +39.0332.281484 Lun-Ven 9-18 +39.0287070700
Iscriviti ai corsi

Audirevi TALKS (About Economy) – “Incertezza, complessità, soggettività delle stime contabili e valutazione del rischio di controllo: Il nuovo Isa Italia 540”

Con la Determina del MEF/Rgs del 3 agosto 2020 è stato adottato nell’ordinamento italiano il nuovo principio di revisione internazionale (ISA Italia) n. 540 “Revisione delle stime contabili e della relativa informativa”, corrispondente del principio di revisione internazionale ISA 540R “Auditing Accounting Estimates and Related Disclosures” pubblicato dall’International Auditing and Assurance Standards Board (IAASB). Il principio ISA Italia 540 è applicabile per gli esercizi che iniziano dal 1° gennaio 2020 o successivamente.
Tale principio, sebbene già presente nel nostro ordinamento, risulta completamente modificato nella sua nuova release. Tali modifiche sono frutto della necessità di fornire ulteriori regole e linee guida per il revisore al fine di affrontare la crescente complessità delle stime contabili e della relativa informativa di bilancio.
Tra le novità del nuovo Isa Italia 540 vi è, tra l’altro, l’enfasi posta sul riconoscimento dell’importanza delle decisioni del revisore in merito al sistema di controllo interno della società con una maggiore focalizzazione sull’importanza delle procedure di conformità anche attraverso il continuo riferimento alle regole dei principi di revisione internazionali ISA Italia n. 315 e ISA Italia n. 330. Infatti, se il revisore non esegue procedure di conformità sui controlli, la sua valutazione di rischio di errori significativi a livello di asserzioni non può essere ridotta assumendo l’efficacia operativa dei controlli rispetto ad una particolare asserzione.

L’acquisizione di una comprensione delle attività di controllo rilevanti ai fini della revisione contabile sul processo utilizzato dalla direzione per effettuare le stime contabili può essere importante in presenza di stime contabili che:

  • richiedono una valutazione significativa da parte della direzione per affrontare la soggettività;
  • hanno un’elevata incertezza nella stima;
  • sono complesse da effettuare;
  • hanno subìto, o avrebbero dovuto subire, una modifica nel metodo, nelle assunzioni o nei dati rispetto ai periodi precedenti; o
  • comportano assunzioni

A tal fine, il revisore potrà considerare, tra gli altri:

  • il riesame e l’approvazione delle stime contabili, incluse le assunzioni o i dati utilizzati per la loro elaborazione, da parte di livelli appropriati della direzione e, ove opportuno, dei responsabili delle attività di governance;
  • l’efficacia della configurazione delle attività di controllo. In generale, può essere più difficile per la direzione configurare controlli che fronteggino la soggettività e l’incertezza nella stima in modo da prevenire, o individuare e correggere, in modo efficace, gli errori significativi, piuttosto che configurare controlli che fronteggino la complessità.

Può essere necessario che i controlli che fronteggiano la soggettività e l’incertezza nella stima includano più elementi manuali, che possono essere meno affidabili rispetto ai controlli automatizzati in quanto possono essere aggirati, ignorati o forzati dalla direzione con maggiore facilità. L’efficacia della configurazione dei controlli che fronteggiano la complessità può variare in base alla motivazione e alla natura della complessità.

Ad avviso di chi scrive, il nuovo principio Isa Italia 540 promuove la qualità della revisione, guidando i revisori nella esecuzione di procedure appropriate in relazione alle stime contabili e alle relative informative, includendo inoltre linee guida sulle modalità con cui le regole del principio possono essere scalabili.

Giovanna Barilà